Sanrem rename redcross

ECCO PERCHE IL FESTIVAL DI SANREMO DOVREBBE CAMBIARE NOME

  • 0

“Al via il  Festival della canzone italiana di Sanremo. “

Ogni anno con queste parole il presentatore di turno , leggermente ingessato per via dell’ansia da prima serata, apre la kermesse musicale più famosa della riviera e dell’intero stivale.

E ogni anno questa premessa fa sperare che al centro del Festival ci sia proprio Lei , colei che occupa il posto più importante nel titolo della manifestazione: La Canzone.

Ora, non mi aspetto che si ritorni indietro di decenni dove ogni artista si esibiva cantando 3 o 4 canzoni scritte da un manipolo di blasonati autori e a lui assegnate dalla commissione  , ma mi aspetto che i brani presentati e scelti rappresentino il meglio del meglio del meglio di ciò che gli autori italiani possano creare.

E invece da un po’ di anni a questa parte è tendenza dichiarata di invitare gli Artisti “più in voga del momento “ , quelli che “ quest’anno ha fatto sold out nei palasport di tutto il paese “, con o senza tendoni,  “vedrai che poi la canzone verrà da se ,se ha riempito cosi tanto ai concerti, proporrà qualcosa di buono , no ?”

La risposta è purtroppo NON E’ DETTO.

E ogni anno,  dopo aver ascoltato tutte le canzoni , ci siamo abituati ad andare alla ricerca della meno peggio, di quella che ci fa dire “ si ma dai è orecchiabile “ , e che invece dovrebbe farci cadere dalla sedia.

Ci fa dire ” eh ma ……. rimane sempre un/una grande artista” come a volerlo giustificare per la poco onorevole proposta musicale”

Perché è proprio questo che ci manca , mancano le canzoni che  lasciano a bocca aperta , che ti fanno emozionare per davvero, che ti fanno incazzare e non per quanto sono modeste.

E a questa mancanza il pubblico si è assuefatto ed ha contribuito a spostare l’asticella un po’ piu in basso invece che in alto.

Che Sanremo sia un grande spettacolo televisivo e che si porti dietro soldi a palate è una realtà indiscutibile , come lo è che abbia bisogno di pubblico guardante per restare in piedi  ; proprio per cercare di acquisire nuovo pubblico , possibilmente più giovane della media sanremese , gli organizzatori si orientano verso gli idoli dei più giovani , dimenticandosi che i più giovani Sanremo lo guardano a Tv spenta su Twitter e i meno giovani cominciano a smettere di guardarlo perchè non conoscono la maggior parte dei cantanti in gara e per loro Achille Lauro è morto nel 1982.

Se si vuole continuare con questa linea , bisognerà cambiare il nome della manifestazione per renderla più credibile, le proposte al momento sono 2  : “Wind Winter Festival” (l’acronimo WWF potrebbe essere d’aiuto , si tratta sempre di salvataggio della specie) , oppure il meno impattante “Festival dei cantanti più in voga del momento a parte qualche eccezione” ma mi rendo conto che questa seconda , seppur più didascalica avrebbe meno appeal con gli sponsor.

 

Paolo Fratta